Il mondo wiki*

Spesso nelle ricerche ci imbattiamo in wikipedia, l’enciclopedia libera, nata 10 anni fa, che ha “fatto chiudere” persino l’enciclopedia Encarta.

By: Giulia Forsythe

Ma qual è l’aspetto rivoluzionario che ha permesso a questa enciclopedia di crescere in modo così rapido? La possibilità data a chiunque di poter modificare il contenuto delle pagine.

Questa possibilità, che spaventa e che ci fa temere riguardo i contenuti, è una enorme opportunità: ci trasforma da fruitori passivi in autori e correttori di “bozze” e di errori. Infatti tutti hanno la possibilità di correggere, migliorare e precisare i contenuti che si trovano in questo ambiente.

Wikipedia non è l’unico progetto, fa parte di una galassia di altre risorse che funzionano tutte allo stesso modo: sono liberamente modificabili.

Segnalo wikivoyage, un guida turistica che non ha i vincoli di enciclopedicità propri di wikipedia, wikibooks, una piattaforma che permette di creare dei libri di testo, wikisource, dove sono disponibili tantissimi testi scansionati di pubblico dominio che attendono di essere corretti, wikimedia commons, un archivio di immagini e altri file multimediali che possono essere inseriti nelle pagine di wikipedia.

Tutti questi progetti sono sotto il grande cappello della Wikimedia Foundation, di cui esiste una sede italiana.

Dal 21 al 28 giugno tutta la comunità mondiale si ritroverà a Esino Lario per l’evento Wikimania. È una grandissima opportunità per conoscere da vicino la realtà di wikimedia e di poter capire meglio come funziona. Le precedenti edizioni di questo evento si sono svolte in grandi centri e il fatto che sia stato scelto Esino Lario è una scommessa che mira a valorizzare anche i piccoli centri.

Oltre alla galassia di wikimedia esiste da pochi anni (4) un progetto dedicato ai più piccoli, i bambini dagli 8 ai 13 anni: vikidia.

Vikidia funziona esattamente con wikipedia, solo che essendo un progetto appena nato (nel momento in cui scrivo ha 2770 pagine contro il 1.250.000 e più pagine della versione italiana di wikipedia) è come un pianeta inesplorato, c’è tutto da costruire. Per esempio la pagina che parla di Lecco l’ho iniziata io la scorsa settimana ed è molto scarna.

Naturalmente il fatto che sia rivolta ai ragazzi non significa che debbano scrivere solo loro, ma che il linguaggio deve essere per quel target. Infatti molto spesso le voci di wikipedia sono troppo tecniche o difficili per i ragazzi della scuola primaria o secondaria. In queste pagine sono indicate le modalità di collaborazione per le scuole e per gli insegnanti. E allora che aspettiamo? Collaboriamo anche noi per farla crescere con contenuti che siano il più possibile interessanti e corretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *